Archivio mensile luglio 2010

Affrontare l’enurési notturna

Nonostante l’enurési sia un problema molto diffuso (ne soffre il 15% dei bambini di più di 5 anni) e comporti problemi finanziari, psichici ed emotivi nei soggetti e nelle famiglie coinvolte, viene troppo spesso sottovalutato da clinici e pediatri che affrontano il ritardo nell’acquisizione del controllo notturno come un risultato che prima o poi avverrà.

Se ciò è pur vero, il processo può tuttavia impiegare diversi anni e portare con sé un grosso carico di imbarazzo e altri disordini dovuti dall’enorme mole di stress accumulato, che altro non fanno che acuire ancora di più la problematica in essere.

Ma cos’è, in effetti, l’enuresi? E’ un’urinazione involontaria o volontaria ripetuta nel tempo, con episodi ricorrenti almeno per due volte a settimana e per almeno tre mesi consecutivi. Per poter essere diagnosticata, il bambino deve avere almeno 5 anni ed aver raggiunto un grado di sviluppo in tutte le altre aree pari alla sua età.
Vi sono diversi tipi di enuresi: enuresi notturna, nella quale il problema si presenta solo di notte; enuresi diurna, solo il giorno; enuresi mista, sia il giorno che la notte. E’ primaria quando il bambino non ha mai smesso di bagnare il letto, secondaria quanto, invece, per un periodo superiore ai 6 mesi questo problema era scomparso e poi è riapparso.

Quali sono le cause dell’enuresi? Per lo più genetiche: i bambini i cui genitori hanno entrambi precedenti di enuresi hanno il 77% di probabilità di sviluppare questo problema contro il 43% dei bambini con un solo genitore che ha sviluppato questo problema (ed appena il 15% di quelli in cui in nessuno dei genitori si è presentato).
Altre cause possono essere la scarsa capacità di svegliarsi dal sonno, una ridotta capacità della vescica, un ritardo dello sviluppo, una ridotta secrezione notturna di ADH o ormone antidiuretico e, ovviamente, fattori psicologici derivanti dallo stress.

Come si interviene? Uno dei sistemi migliori di intervento è quello incentrato sui sistemi di allarme sonoro (come luminoso e a vibrazione) che avvertono il bambino quando sta bagnando il letto e gli consentono di alzarsi e recarsi in bagno. Ma non è un sistema che può essere sempre utilizzato.
Una terapia supportiva unita ad esercizi per implementare la percezione e l’attitudine alla pulizia sono forme d’intervento incentrate non solo sul problema specifico, ma migliorative di uno stato di benessere e di salute generale.

Da tenere a mente. Nonostante la diffusione del problema, solo un numero minimo di pediatri e clinici in generale offre un efficace e reale trattamento per l’enuresi. Uno dei motivi principali è dovuto al fatto che vengono prese in esame soprattutto disfunzioni fisiche e sottolineato il ruolo dei fattori medici, senza mettere in risalto la componente emotiva e psicologica che può essere causa del disturbo e che, irrimediabilmente, accompagnano il disturbo stesso.
Una volta accertata l’assenza di condizioni mediche generali, molti pediatri semplicemente si astengono dall’operare qualsiasi trattamento, sostenendo che comunque il problema si risolverà da solo, sottostimando decisamente i risvolti negativi che un intervento del genere può avere sul bambino e sulla famiglia.

Qualsiasi genere di trattamento non può prescindere dall’aiutare e sostenere il bambino (ed la famiglia) in un momento carico di contenuti emotivi difficili da affrontare, soprattutto se risultano sottostimati e non compresi.

Per approfondire:

Boris, N. W., & Dalton, R. (2004). Enuresis (bed-wetting). In
R. E. Behrman, R. Kleigman, & H. B. Jenson (Eds.), Nelson
textbook of pediatrics (17th ed., pp. 74-75). Philadelphia, PA:
Saunders.
Bradbury, M. G., & Meadow, S. R. (1995). Combined treatment
with enuresis alarm and desmopressin for nocturnal enuresis.
Acta Paediatrica, 84, 1014-1018.
Butler, R. J. (1994). Nocturnal enuresis. The child’s experience.
Oxford, UK: Butterworth-Heinemann.
Butler, R. J. (1998). Annotation: Night wetting in children: Psycho-
,- logical aspects. Journal of Child Psychology and Psychiatry,
‘ 59,453^63.
Butler, R. J., & Gasson, S. L. (2005). Enuresis alarm treatment. Scandinavian
Journal of Urology and Nephrology. 39, 349-357.
Butler, R. I , & Holland, R (2000). The three systems: A conceptual
way of understanding nocturnal enuresis. Scandinavian Journal
of Urology and Nephrology, 34, 210-111.
Butler, R. J., & Robinson, J. C. (2002). Alarm treatment for childhood
nocturnal enuresis. Scandinavian Journal of Urology and
Nephrology. 36, 268-272.
Cendron, M. (1999). Primary nocturnal enuresis: Current concepts.
American Family Physician, 59. 1205-1214.
Diseth, T. H., & Vandvik, I. H. (2004). Hypnoterapi ved behandlingsrefraktaer
enuresis nocturna [Hypnotherapy in the treatment of
resistant nocturnal enuresis]. Tidsskrift For Den Norske Laegeforening.
72^ 488-491.
EI-Radhi, A. S. (2005). Practical management of children with
enuresis. Update, 70. 60-65.
Fergusson, D. M., & Horwood, J. (1994). Nocturnal enuresis and
behavioral problems in adolescence: A 15-year longitudinal study.
Pediatrics, 94. 662-668.
Friman, P. C, Handwerk, M. L., Swearer, S. M., McGinnis,
J. C, & Warzak, W. J. (1998). Do children with primary
nocturnal enuresis have clinically significant behavior
problems? Archives of Pediatrics and Adolescent Medicine,
152. 537-539.
Fritz, G., Rockney, R., Bemet, W., Arnold, V, Beitchman, J., Benson,
R. S Kroeger Ptakowski, K. (2004). Practice parameter for
the assessment and treatment of children and adolescents with
enuiesis. Journal of American Academy of Child andAdolescent
Psychiatry, 43, 1540-1550.
Gera, T., Seth, A., & Mathew, J. L. (2002). Nocturnal enuresis in
children. Internet Journal of Urology, 1, 13-24.
Gimpel, G. A., & Warzak, W. J. (1998). Clinical perspectives in
primary nocturnal enuresis. Clinical Pediatrics, 37, 23-29.
Goin, R. P. (1998). Nocturnal enuresis in children. Child: Care,
Health and Development, 24, 277-288.
Gustafson, R. (1993). Conditioning treatment of children’s bedwetting:
A follow-up and predictive study. Psychological Reports,
72, 923-930.
Hägglöf, B., Andren, 0., Bergström, E., Marklund, L., & Wendelius,
M. (1998). Self-esteem in children with nocturnal enuresis and
urinary incontinence: Improvement of self-esteem after treatment.
European Urology, 55(Suppl. 3), 16-19.
Harari, M. D., & Moulden, A. (2000). Nocturnal enuresis: What
is happening? Journal of Paediatrics and Child Health, 36,
78-81.
Houts, A. C, Berman, J. S., & Abramson, H. (1994). Effectiveness
of psychological and pharmacological treatments for nocturnal
enuresis. Journal of Counseling and Clinical Psychology, 62,
737-745.
Kawauchi, A., Tanaka, Y., Naito, Y, Yamao, Y, Ukimura, 0., Yoneda,
K Miki, T. (2003). Bladder capacity at the time of enuresis.
Pédiatrie Urology, 61, 1016-1018.
Mishne, J. M. ( 1993). Primary nocturnal enuresis: A psychodynamic
clinical perspective. Child and Adolescent Social Work Journal,
10, 469-496.
Neveus, T. (2003). The role of sleep and arousal in nocturnal enuresis.
Acta Paediatrica, 92, 1118-1123.
Oshlag, R. S. (1999). The development and testing of “Dry Nights”:
A cognitive-behavioral treatment of nocturnal enuresis. Dissertation
Abstracts International, 57(01), 84. (UMI No. 9958296)
Stromgren, A., & Thomsen, P. H. (1990). Personality traits in young
adults with a history of conditioning-treated childhood enuresis.
Acta psychiatrica Scandinavica, 81, 538-541.
Theunis, M., Van Hoecke, E., Paesbrugge, S., Hoebeke, P., & Vande
Walle, J. (2002). Self image and performance in children with
nocturnal enuresis. European Urology, 41, 660-667.
Thiedke, C. C. (2003). Nocturnal enuresis. American Family Physician,
67, 1499-1506.
Ullom-Minnich, M. R. (1996). Diagnosis and management of nocturnal
enuresis. American Family Physician, 54, 2259-2266.