Usa il tuo corpo


di Salvatore Torsi

Usa il tuo corpo

Comunemente si ritiene che il cervello sia l’organo nel quale risiede la memoria ed è una definizione che in linea di massima ricalca la realtà. Spesso ci si dimentica, però, che noi viviamo in uno stato di unità psico-fisica nel quale il corpo è l’altra metà della mela. Eppure sovente lo mettiamo in soffitta: perché?

C’è una saggezza del corpo che tendiamo a voler celare. Il corpo sa e conosce molte cose che non hanno diretto accesso alla coscienza, ma sono lì, evidenti per chi vuole vederle. Non è un caso che molti esperti psicologi “ascoltino” il non verbale con la stessa attenzione (se non maggiore!) che rivolgono alle parole dette.

Celiamo molte informazioni su di noi nella rigidità muscolare, nella maniera nella quale ci sediamo, perfino nel modo in cui ci schiariamo la gola. Sono lì, a nostra disposizione e non dobbiamo fare altro che essere pronti ad osservarle.

Fin da quando siamo piccoli ci viene insegnato a trattenere le emozioni, a moderare i nostri slanci, a stare tranquilli e tutta quell’energia repressa finisce lì, nel corpo, che ha una memoria infinita. Perché mentre riusciamo a nascondere bene le verità della mente, quelle del corpo sono così evidenti da non poter essere nascoste. Se non le vediamo è perché ci hanno educato a guardare da un’altra parte, a scotomizzare una parte della nostra consapevolezza.

Oggi, però, siamo liberi di poterci riappropriare di questa energia repressa, di confrontarci con gli sforzi fatti in passato per neutralizzarla e usarla finalmente per i nostri scopi.

Non essere la prigione del tuo corpo: amalo, usalo, spendilo.

È la tua unica possibilità di essere vivo.

Commenta